Seconda sosta a Piazza della Cultura

30 Maggio 2009 — Riccardo Sabellotti - Giacinto Sabellotti

SECONDA SOSTA A PIAZZA DELLA CULTURA

 

“Eccoci a Piazza della Cultura; una bella piazza
in cui ci dobbiamo assolutamente fermare ”

“Sei attratto dalle bellezze artistiche o sei di nuovo stanco?
Ti è sembrata pesante questa seconda tappa?”

“Perché era una tappa? A me è sembrato
un percorso di guerra, un campo minato”

“Esagerato, ci sarà stata qualche salita,
ma non valeva la pena di capire
che la cultura si è sviluppata secondo le stesse leggi della selezione naturale
e in stretta connessione con l’evoluzione biologica?”

“Effettivamente si, così come è stato fondamentale capire che,
oltre la diffusione culturale per tradizione familiare,
esiste una diffusione autonoma analoga alle epidemie virali,
una diffusione imperniata sulla supremazia della comunità
rispetto al singolo e addirittura una diffusione consapevole e mirata”

“Esatto, ricordando però come in ogni caso
la diffusione della cultura non sempre migliora la qualità della vita
e quindi come sia necessario esserne ben consapevoli
per arginare gli effetti negativi e soprattutto quelli letali”

“A proposito di effetti negativi,
mettiamoci seduti sul bordo della fontana
e godiamoci un po’ di refrigerio”

“Ne senti il bisogno eh?
Dopo le sudate per capire che l’uomo in fondo è una complessa macchina
di conservazione, trasporto e duplicazione di geni…”

“Più andiamo avanti con queste riflessioni
e più mi rendo conto che nella vita ho studiato tanto,
ma ho capito poco”

“Questa per me non è una novità,
il fatto strabiliante è che te ne sia reso conto”

“Scherza, scherza, ma mi pare che sulle salite
un po’ di affanno sia venuto anche a te”

“Non poteva essere altrimenti;
ricostruire il passaggio dalla cultura animale a quella umana,
individuare i principali strumenti utilizzati
e le fondamentali tappe percorse nell’evoluzione culturale,
non è cosa da poco”

“Hai ragione, ma io il vero ostacolo l’ho trovato
nel dover accettare che viviamo in un nostro mondo immaginario
e che ciò sia perfettamente naturale,
anzi rappresenta un’ulteriore risorsa evolutiva”

“In effetti si tratta di un concetto difficile da affrontare,
ma che poi risulta abbastanza facile da capire e
indispensabile per comprendere la vera natura delle superstizioni,
delle religioni, delle scienze e delle rispettive relazioni”

“Anche il nuovo concetto di filosofia biofunzionale,
intesa come strumento naturale di finalizzazione biologica,
e quello altrettanto originale di inquinamento psicologico,
costituito dalle informazioni errate
che ci inducono a comportarci contro i nostri interessi,
hanno richiesto un certo slancio”

“Per non parlare del fatto che l’uomo è un animale religioso per natura,
sia da un punto di vista genetico che culturale”

“Si, ma tante salite hanno permesso di cominciare
ad affrontare i temi successivi in discesa,
come la funzione educativa delle religioni e delle loro ritualità,
nonché il percorso educativo naturale dell’uomo
che consiste nell’osservazione della natura,
nel fissare dei valori di riferimento
e nell’individuare i modelli di comportamento”

“Ma cosa fai, parli di modelli di comportamento
e metti a bagno i piedi nella fontana?”

“Perché? E’ una prerogativa solo dei turisti stranieri?”

“Di tutte le virtù degli stranieri
sei riuscito a imitare l’immersione dei piedi nelle pubbliche fontane,
complimenti!”

“D’accordo, d’accordo, non ti scandalizzare.
Piuttosto è meglio che mi rimetta le scarpe
prima che vengano classificate come armi di distruzione di massa”

“Ecco, bravo, evitiamo questo rischio e ripartiamo”

 

lampadina   COME REGISTRARSI?

iperindice  IPERINDICE 

libro1   UN BUON LIBRO PER UNA BUONA SOSTA


Se volete leggere un classico di Galileo Galilei, potete farlo con un click         

Se volete prelevare gratuitamente tale libro, potete farlo con un altro click      

Se vi interessano altri libri da leggere o prelevare gratuitamente,                              

 

<  precedente                                        successivo >

ccl

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)

Il progetto Ofelon usa la licenza Creative Commons
Creative Commons License