1.a.7 – L’adattamento è subordinato al contesto ambientale?

Letto 3623 volte.
4 Marzo 2009 — Riccardo Sabellotti - Giacinto Sabellotti

falco

          

L’adattamento è subordinato al contesto ambientale?

Per adattamento si intende l’insieme di uno o più cambiamenti che una specie subisce a causa della selezione naturale in un dato contesto ambientale. La selezione naturale privilegia le mutazioni che favoriscono la sopravvivenza delle generazioni future, le quali risulteranno appunto più adatte a vivere in quell’ambiente. Un classico esempio di adattamento è lo sviluppo di una folta e calda pelliccia in una regione dal clima molto freddo, oppure lo sviluppo di gambe lunghe e veloci per sfuggire ai predatori.
L’adattamento è dunque sempre relativo ad un certo ambiente perché è questo che determina le possibilità di sopravvivenza e quindi la selezione naturale. Tuttavia, un cambiamento positivo in un certo contesto può rivelarsi utile anche in altre circostanze; per esempio le mani, che le prime scimmie usavano per aggrapparsi ai rami e per raccogliere della frutta, sono state poi utilizzate dagli uomini per costruire strumenti di ogni tipo, per scrivere e per guidare l’automobile; un altro esempio è dato dallo strato di grasso, sviluppato per affrontare periodi di carestia e poi divenuto una protezione contro il freddo per gli animali delle regioni polari. In questi casi si parla di preadattamento, come se si trattasse di un adattamento anticipato, ma in effetti si tratta di fortunate combinazioni che comunque sono di grande importanza per l’evoluzione, perché aumentano le possibilità di adattamento a nuovi ambienti, nonché quelle di soddisfare nuove esigenze e di sfruttare nuove risorse. In generale l’evoluzione procede per piccoli passi, ma non può creare dal nulla dei nuovi organi, può solo modificare quelli già esistenti, i quali pertanto costituiscono un preadattamento, cioè una base per i futuri sviluppi.
In un eventuale ambiente stabile, che non muta nel tempo, si accumulerebbero mutazioni positive fino ad esaurire tutte le possibilità; con il tempo la comparsa di nuovi cambiamenti positivi diverrebbe sempre meno probabile e le diverse specie si troverebbero in una sorta di stato di equilibrio dato dal massimo adattamento al loro ambiente.
L’evoluzione è dunque lenta, graduale, ma non uniforme; spesso presenta una velocità variabile proprio in conseguenza della stabilità o meno dell’ambiente. Una situazione di perfetta stabilità è inoltre assai improbabile, infatti ogni mutazione di una qualunque specie è di fatto un piccolo o grande cambiamento ambientale e dunque l’evoluzione non si fermerà mai, anche senza considerare cambiamenti geologici o climatici.

Sulla cresta dell'onda

PALCO D’ONORE
 us3   NILES ELDREDGE 

lampadina   COME REGISTRARSI?

iperindice  IPERINDICE   

                        

ccl

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.7/10 (6 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)
1.a.7 - L'adattamento è subordinato al contesto ambientale?, 8.7 out of 10 based on 6 ratings

3 Commenti per “1.a.7 – L’adattamento è subordinato al contesto ambientale?”

  1. Carlotta da Camerino ha detto:

    Allora siamo nei guai! In questo mondo che cambia così in fretta non potremo mai adattarci in tempo… A I U T O !!!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 1.0/5 (1 vote cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. Gerulfo delle Milizie ha detto:

    L’ambiente oggi cambia in fretta perché è la nostra cultura che cambia velocemente, quindi gli adattamenti necessari in tale ambiente moderno sono di natura culturale. Come governare e indirizzare i necessari adattamenti culturali è però cosa assai ardua anche se apprezzo lo sforzo di Ofelon di cominciare almeno a parlarne, chissà…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 4.0/5 (1 vote cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. Gismondo il Malagrotta ha detto:

    Intanto, scherzando con i nick e gli avatar medievali, abbiamo aperto una bella tavola rotonda su argomenti purtroppo spesso dimenticati. Impgnamoci a coinvolgere in tali discussioni costruttive i nostri amici e soprattutto i nostri ragazzi che, in quanto a blog, forum e chat, sono già preparatissimi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 3.0/5 (1 vote cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Scrivi un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Il progetto Ofelon usa la licenza Creative Commons
Creative Commons License